Giorno 8 Cammino Portoghese: da Pontevedra a Armenteira 22km - Ancutza - Tips of Wellness
16006
post-template-default,single,single-post,postid-16006,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode_popup_menu_push_text_right,transparent_content,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_advanced_footer_responsive_768,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
 

Giorno 8 Cammino Portoghese: da Pontevedra a Armenteira 22km

Giorno 8 Cammino Portoghese: da Pontevedra a Armenteira 22km

Ieri sera ho conosciuto nuove persone, molti più pellegrini, molto più umani, abbiamo scambiato esperienze, dolori e consigli. Dei miei nuovi amici pellegrini la maggior parte hanno proseguito sul cammino normale… Io e il ragazzo ungherese, abbiamo proseguito sulla Variante Espiritual!Il ragazzo ungherese è una bellissima persona! Abita a Brasov, in Romania. Parla italiano, tedesco, rumeno, inglese. Non so bene in che lingua parlargli così facciamo un po’ un giro in tutte le lingue, passando da una all’altra…Mi affascina sempre conoscere persone che parlano tante lingue! È molto coinvolgente intellettualmente e molto bello!Iniziamo la giornata camminando insieme… Io, la ragazza portoghese, il ragazzo tedesco è il ragazzo ungherese. Dopo circa 5 km ci dividiamo e io e il ragazzo ungherese procediamo sulla variante Espiritual mentre gli altri 2 vanno sulla strada normale verso Santiago!Ci abbracciamo e ci salutiamo, come se ci conoscessimo da sempre, perché il flusso è questo, perché sul cammino alcune persone ci completano e con loro stiamo bene!Ogni persona che si incontra sul cammino è importante. Anche se solo conosciuta e. Anche se ci abbiamo parlato per 5 minuti o solo per un saluto. Ci lascia un pezzo di sé oppure per meglio dire vediamo in loro un pezzo di noi!In psicologia gli altri sono lo specchio di noi stessi! Vediamo negli altri ciò che vediamo e che abbiamo in noi!Dobbiamo solo avere l’accortezza e l’apertura mentale di vederlo, scorgerlo, sentirlo. E capire così molto di più di quello che siamo noi!Ad ogni modo io e il ragazzo ungherese camminiamo insieme. Tra i boschi, gli eucalipti e i pini. Sotto la pioggia e con la nebbia!È un’atmosfera davvero meravigliosa! Si sente la magia e qualcosa di energetico attorno.Cammino e mi godo la sensazione della pioggia sulla mia testa, sulla mia pelle. Non è una pioggia fastidiosa, anzi è bella! Molto bella! La pioggia lava via tutto! Tutti i dolori, i pensieri! Sono ormai andati, passati. La pioggia lava, porta via, alleggerisce, pulisce e permette di andare oltre… Cambiare, procedere con più serenità, con uno stato d’animo più quieto…Nonostante la pioggia è una giornata meravigliosa!Dovremmo scorgere un pezzo di oceano, ma la nebbia non lo permette molto. Vediamo poco, ma quel poco ha il suo fascino e trasmette meraviglia!Incontriamo una coppia svedese di pellegrini! Lui conosce un po’ di rumeno e la Romania.Wow! Sono le giornate dedicate alla Romania!Io e Laszlo, il ragazzo ungherese camminiamo un po’ insieme, un po’ staccati. Chiacchieriamo e abbiamo i nostri momenti di solitudine e riflessione!È una giornata davvero bella…Io mi sto riprendendo dai miei dolori e problemi… I piedi fanno male ma va bene, sto meglio. L’occhio è tornato normale. Sono di nuovo io e non più il mostro, il ritratto di Dorian Gray! Le vesciche non ci sono più. La pelle sulle caviglie sta ritornando alla normalità. Sono sempre rossa, ma sta migliorando.Il vento e la pioggia stanno portando via tutto… Portando la calma, il sereno, il cambiamento, la consapevolezza, l’interiorizzazione.Siamo arrivati prestissimo alla cattedrale di Armenteira che abbiamo visitato.Abbiamo aspettato 20 minuti che albergue aprisse e poi doccia per pellegrini puzzolenti che hanno fatto più di 20 km sotto la pioggia…E poi io e Laszlo siamo andati a fare pranzo… Un po’ pranzo-merenda, ma eravamo affamati!C’è un solo bar qui ad Armenteira. Oltre alla cattedrale e a qualche casetta.Abbiamo fatto una bella chiacchierata, raccontandoci e raccontando esperienze e pensieri. Il bello e la magia del cammino è questo.All’albergue ho incontrato nuovamente i miei amici coreani-americani e sono tanto felice! Sono stupendi ed è sempre bello vederli!Mi sto rigenerando… Fa parte del processo… Del cammino… E continuerò sempre a dirlo: nonostante i dolori, le pene… È un viaggio meraviglioso… Verso un cambiamento… Verso la conoscenza di se stessi… Verso la consapevolezza…Verso l’interiorizzazione… Verso qualcosa che va oltre, in profondità… Verso la crescita… Verso il rafforzamento di me stessa!È sempre una magia. C’è sempre un senso e un motivo per tutto quello che succede. Come qui, così anche nella vita di tutti i giorni.Anche quello che non si comprende appieno si compierà e si comprenderà dopo, al momento giusto.Nel pomeriggio e la sera abbiamo giocato a carte tra pellegrini, raccontandoci tra una partita e l’altra. Il ragazzo americano di 18 anni chiedeva consigli di vita e sul cammino al ragazzo ungherese!Ottima compagnia e ottima serata…Io ho appena mangiato tonno e gallette! Dopo il pranzo ritardato non abbiamo più cenato, quindi ho fame! Come sempre! Ma nello zaino ho sempre cibo di emergenza!Buenas noches mi gente! Vi auguro magia ed energia positiva… Che siano con voi e vi portino bellissime riflessioni…

No Comments

Post A Comment