Giorno 2 Cammino Portoghese: da Povoa de Varzim a Marinha 25 km - Ancutza - Tips of Wellness
15917
post-template-default,single,single-post,postid-15917,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode_popup_menu_push_text_right,transparent_content,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_advanced_footer_responsive_768,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
 

Giorno 2 Cammino Portoghese: da Povoa de Varzim a Marinha 25 km

Giorno 2 Cammino Portoghese: da Povoa de Varzim a Marinha 25 km

Oggi l’opzione era fare 25 km oppure farne 48. Non avevo idea di dove sarei arrivata. Sono partita sempre a passo spedito. Dopo un po’, il percorso si è staccato dalla litoranea e ha proseguito nell’interno. Nel frattempo ho incontrato la signora italiana che ho conosciuto all’aeroporto il primo giorno, Mauro nuovamente, il signore brasiliano del primo giorno. Ci siamo incrociati varie volte e salutati!

Fare la parte nell’entroterra è stato faticoso, sotto a un sole fortissimo! Nonostante io abbia messo tanta crema sentivo tantissimo il bruciore del sole, reduce anche dal giorno prima.

Sono passata attraverso campi immensi di verdura e cipolle riempiti di pesticidi e visto tanti contadini all’opera!

Speravo di ritornare in fretta sul litorale ma così non è stato! Volevo fare merenda guardando l’oceano, ma non ce l’ho fatta. Questa tratta era interminabile quindi mi sono fermata affamata e ho iniziato a studiare la guida.

Ho scoperto che per evitare il sentiero nell’entroterra si può camminare sulla spiaggia, non essendoci più passerelle create apposta. Bisogna però fare attenzione alle maree e verificare che la spiaggia sia praticabile.

Così ho preso una strada alternativa e sono tornata sulla spiaggia.

Con gioia ho tolto le scarpe e mi sono immersa nella sabbia e tra le onde.

Mi sono rigenerata i piedi nell’acqua finalmente! Ero nel mio mondo, rilassata, felice… E poi l’ostacolo:

Per passare da una spiaggia all’altra avrei dovuto attraversare questo punto oppure risalire la ripidissima duna!

Era fattibile passare soprattutto quando le onde erano più basse. Ma quando le onde erano più alte, il bagno era assicurato e immediato! Risalire la duna non mi ispirava molto così ho tentato la fortuna: quando ho visto le onde più basse sono passata, ma arrivata quasi alla fine… Beh sono arrivate le onde alte! Quindi via lo zaino, via i vestiti e mi sono tuffata! Un bel bagno rigenerante nell’oceano e perché no… Tornare bimba e giocare con le onde alte!

Ho fatto tutto con molta calma e mi sono goduta questi momenti! Quindi ho deciso che ormai la mia tappa oggi sarebbe stata Marinha 25 km totali!

Mi sono avviata nuovamente sul cammino, ho pranzato tardissimo e mancavano ormai pochi km a Marinha.

Arrivata all’albergue donativo della Croce Rossa mi hanno detto che erano pieni e non avevano più posto e mi hanno indirizzato verso una casa privata che aveva posti letto.

Il signore che avrebbe dovuto ospitarmi è venuto a prendermi e mi ha accompagnato verso la casa. Sulla strada abbiamo incontrato 3 ragazze polacche che sono venute anche loro con noi. Abbiamo preso i materassi a terra!

Nel frattempo sono arrivati dei ragazzi che avevo già visto la sera prima e un signore inglese. Ho passato la serata con loro e a sentire le storie del signore inglese che sta facendo il cammino per la sesta volta.

Boa noite!

No Comments

Post A Comment